Collegamento Pagine Google Plus rel=publisher solo per pagine Brand

Aggiornato il 28 Novembre 2014

Vuoi ricevere ogni settimana le ultime notizie dal mondo del Local SEO e della local Search, e per restare aggiornato sulle nostre ultime novità?

Iscriviti alla Newsletter

È da qualche tempo che monitoriamo il collegamento delle pagine G+ Local al sito web e non a caso.

Nell’ultimo periodo, infatti, nonostante inserissimo il rel publisher sul sito per procedere (come sempre fatto) al collegamento della scheda local al sito web, la spunta di collegamento non veniva visualizzata.

Inoltre, il tasto presente nella dashboard della scheda G+ Local relativo al collegamento tramite WMT non era il più delle volte funzionante, quando presente, perché spesso ormai non c’era più.

Es. di collegamento andato a buon fine:

verificato

Abbiamo provveduto, più e più volte, a contattare lo staff di Google e ci siamo sentiti più volte anche telefonicamente segnalando il mal funzionamento del tasto di collegamento tramite WMT e cercando di ottenere una motivazione ufficiale sul perché l’inserimento del rel publisher non fosse andato a buon fine, ovviamente senza ottenere alcuna risposta convincente.

Proprio in questi giorni ci siamo accorti che numerose schede da noi precedentemente collegate hanno perso la spunta di collegamento.

Che qualcosa stia cambiando in tal senso? Ci siamo chiesti…

Ricontrolliamo le pagine di Support ed ecco quello che leggiamo:

Se hai una pagina Google+ locale, devi utilizzare la procedura di verifica locale per aggiungere informazioni sulla tua attività a Google Maps e mostrare il badge di verifica su una pagina Google+. Al momento non è possibile collegare una pagina Google+ locale al tuo sito web.

E il titolo della pagina è Collegamento della pagina del tuo brand al tuo sito web… trovate tutto su https://support.google.com/business/answer/4569085?hl=it

rel_publisher-local

Perché Google ha fatto questa modifica?

Non c’è stata alcuna dichiarazione ufficiale, tanto per cambiare, ma possiamo fare delle ipotesi.

Questo cambiamento risolve una serie di problemi che affliggevano il processo di collegamento tra il sito web e le pagine G+.

Intanto nulla vieta che un sito web abbia più pagine Google Plus (ne avevamo parlato qui), magari una brand e una (o più) local, in questo modo viene fatta chiarezza e si può collegare solo la pagina BRAND al sito web.

Resta da testare la possibilità di collegare il sito web a più pagine Google Plus Business.

Poi ricordiamoci che il focus dell’ambiente local sono le coordinate geografiche e che il sito web è (approssimando fin troppo) secondario, nel senso che Google può far apparire dei listing anche se non hanno sito web o non facendo vedere il sito web. Tant’è che Google stesso ha fatto alcuni video in cui evidenziava molto il fatto che il tutto poteva essere fatto senza sito web, ne avevamo parlato sulla pagina G+:

Inoltre c’è tutto il mondo delle catene o delle attività con più sedi, che gestiscono male il proprio sito web, e molto spesso NON creano le proprie Location Pages, figuriamoci il collegamento decente del sito web con le pagine G+ Local…

P.S. Vi segnaliamo una curiosità: Le pagine local in attesa di verifica vengono considerate da Google come “pagine business” ovvero vengono indicizzate, soprattutto in presenza di post, nelle SERPs, ma ovviamente non tra i risultati locali e su Google Maps.
Per queste pagine è ancora possibile collegare il sito web in quanto è ancora visibile il tasto “Collega sito web”. Invece nel momento in cui si verificano queste pagine, non sarà più possibile effettuare il suddetto collegamento. Non sappiamo se Google interverrà o meno per risolvere questa anomalia in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.