casino close to charlotte nc buy t slot aluminum extrusion zynga poker kako se igra woodstock slots hours casino heist vault explosives solo

“Visto dagli acquirenti” e “In Vendita qui” su Google My Business

Aggiornato il 8 Ottobre 2021

Vuoi ricevere ogni settimana le ultime notizie dal mondo del Local SEO e della local Search, e per restare aggiornato sulle nostre ultime novità?

Iscriviti alla Newsletter

Ultimamente, è iniziata a comparire nei risultati di ricerca locale una nuova Google mention, meglio denominata dallo stesso Google e riconosciuta dagli addetti al settore con il termine di “Justification“. Per un maggiore approfondimento ti invitiamo a leggere questo post.

Si tratta della mention “Visto dagli acquirenti” che compare, al pari delle altre, nei risultati di ricerca locali all’interno Local Pack o nel Google Local Finder per specifiche query di ricerca e con l’icona di un omino racchiuso in un cerchio, simile a quella delle review mention. Tale mention riguarderebbe marchi o categorie di prodotti specifici venduti dal rivenditore.

Abbiamo eseguito un test ricercando su Google la query “biancheria per la casa” e, effettivamente abbiamo notato la presenza della nuova mention nei risultati di ricerca locali.

La nuova Google mention “Visto dagli acquirenti” all’interno dei risultati del Local Pack.

Ma in che modo e perché si attiva la nuova Google mention?

Non vi sono molte notizie a riguardo in Rete, ma quello che sappiamo è che questa mention ha iniziato a comparire nelle ricerche locali in America lo scorso Giugno 2021 come lo annuncia questo twit di Brodie Clarke in cui un’esperta in Local SEO, Claire Carlile, risponde supponendo che probabilmente la mention si attiva prelevando i dati dalle domande che Google pone spesso agli utenti con notifiche push sui loro telefoni (dall’app Google Maps) dopo che hanno visitato un luogo: Conosci questo posto?

 

La funzionalità in cui Google chiede alle Local Guide di rispondere a domande su un’attività. 

 

Simile alla mention “Visto dagli acquirenti” vi è quella già esistente da tempo “In vendita qui” che invece preleva i dati dai prodotti già elencati nell’inventario online dell’attività. Quest’ultima ha lo scopo di indicare agli utenti un prodotto specifico venduto dalla tua attività. Secondo Krystal Taing , anche questi dati sono tratti dalla domanda “Conosci questo posto?”

La Google mention “In vendita qui” all’interno dei risultati del Local Pack.

 

Google My Business in vendita qui eVisto dagli acquirenti

Risultati Local con “In Vendita qui” e “Visto dagli acquirenti”

 

Ad oggi non è possibile avere il controllo da dashboard su queste tipologie di mention. Ma sono molto utili ad aumentare il ClickTroughRate della scheda.

Il consiglio per le attività locali è di ottimizzare come al solito la propria scheda Google My Business in tutte le sue parti, curarla ed aggiornarla periodicamente tramite post e pubblicazioni di foto, recensioni e quant’altro siccome ogni singola informazione può essere per Google fonte di dati per attivare le mention nei risultati locali.

Naturalmente, come diciamo spesso, non va escluso da queste attività di ottimizzazione anche il sito web il quale rappresenta un’importante ed attendibile fonte informativa per Google da cui attingere, in questo caso, per l’attivazione ad esempio della website mention.

 

Se vuoi ottimizzare la tua presenza su Google My Business, non esitare a contattarci.

 

Una risposta

  1. Salve a tutti,

    giusto per avvalorare la tesi dell’esperta sopra citata, stavo facendo alcuni raffronti e da quel poco che ho visto sembrerebbe che il ” visto dagli acquirenti ” sia un dato meno certo,per così dire, rispetto al ” in vendita qui”.
    Come sottolineato, infatti, i prodotti inseriti nella scheda possono attivare la product mention ( la chiamo così per comodità) ed è un dato certo , anche perché inseriti dai proprietari delle schede. Laddove invece Google non ha questa certezza, partono le notifiche push agli utenti che hanno appena visitato quello store. Ti chiede se quel bene sia in vendita,ma è come se accettasse con riserva.
    Il drive to store colpisce ancora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *