Novità di Google Maps e Google Business Profile nel 2021

Aggiornato il 23 Gennaio 2022

Vuoi ricevere ogni settimana le ultime notizie dal mondo del Local SEO e della local Search, e per restare aggiornato sulle nostre ultime novità?

Iscriviti alla Newsletter

Il 2021 è stato un anno particolarmente ricco di aggiornamenti per quanto riguarda il sistema di mappe Google Maps e Google Business Profile.

Dal testing al lancio di nuove funzionalità fino all’aggiornamento dell’algoritmo local di Google.

Il 2021 è stato, quindi, un anno significativo da questo punto di vista.

Pronto a scoprire tutte le novità? Partiamo!

 

Il rebranding di “Google My Business” in “Google Business Profile”

Una delle novità più importanti che ha riguardato le schede Google nel 2021 è stato il rebranding da Google My Business in Google Business Profile.

Oltre all’aggiornamento del nome per il quale, oggi, molti continuano per abitudine ad utilizzare il vecchio, Google ha anche introdotto ulteriori novità come:

  • la possibilità di rivendicare, verificare, aggiornare e modificare le informazioni del profilo come indirizzo, orari di apertura, foto e molto altro direttamente dalla Ricerca Google e Google Maps in una nuova esperienza utente detta New Merchant experience (NMX);
  • il vecchio pannello di controllo di Google My Business supporterà principalmente le aziende più grandi e sarà rinominato come “Business Profile Manager”, propriamente detto in italiano “Gestione dei profili delle attività”;
  • l’app Google My Business verrà dismessa entro il prossimo 2022;
  • anche le APi di Google My Business saranno rinominate in Business Profile API ma manterranno le stesse attuali funzionalità.

Ma perché Google My Business è stato rinominato in Google My Business Profile?

La logica del rebranding è principalmente incentrata sull’introduzione della cosiddetta New Merchant Experience (NMX) che, rappresenta la nuova interfaccia di gestione della scheda per i proprietari di attività locali direttamente dalla Ricerca Google e in Google Maps.
Invece, le grandi aziende, le agenzie e le organizzazioni potranno continuare a gestire le proprie sedi tramite la dashboard del proprio account.

Curioso di conoscere di più? Leggi il post ufficiale di Google cliccando qui

 

NMX – New Merchant Experience

Se ne parla ormai da lungo tempo della volontà di Google di spostare completamente la gestione del Profilo della propria attività direttamente nella Ricerca Google con l’intenzione di eliminare completamente la dashboard che utilizziamo ad oggi.

Stiamo parlando della cosiddetta New Merchant Experience – NMX.

Ora basterà cercare il nome della tua attività da desktop o da mobile su Google per poter gestire tutte le informazioni come, orari, descrizione, attributi, messaggi, caricamento di foto, ecc… .

 

Non ci sarà nemmeno più l’app di Google My Business ma soltanto la NMX.

Non si sa ancora invece che fine faranno alcune funzionalità come, ad esempio, la funzione per la creazione del business site gratuito di Google. Stiamo per cui tenendo monitorati gli aggiornamenti per capirne di più su questa evoluzione dello strumento GBP.

 

“Vicinity Update”, il più grande aggiornamento dell’algoritmo local di Google

Tra la fine di Novembre e gli inizi di Dicembre 2021 Google ha lanciato uno dei più importanti aggiornamenti del suo algoritmo local.

L’aggiornamento che ufficialmente è stato nominato da Google “November 2021 local search update”  in realtà è stato ribattezzato dagli esperti di settore in “Vicinity Update“. Questo perché Google ha attribuito maggiore importanza al local ranking factor della Distanza. Ma non solo.

Infatti, il nuovo aggiornamento ha particolarmente inciso anche sul local ranking di schede spam e con keyword stuffing nel naming, facendole perdere numerose posizioni nelle ricerche. Per ulteriori dettagli ti rimandiamo a leggere il nostro post sull’argomento dove troverai anche gli ultimi aggiornamenti.

 

Nuovo layout per il Local Pack

Siamo abituati a vedere i risultati che compaiono nel Local Pack con il seguente layout:

 

A partire da Dicembre dell’anno scorso invece, Google ha iniziato a diffondere una nuova versione grafica del Local Pack come mostrato qui in figura.

 

Il nuovo layout appare come primo risultato in alto nella SERP e con a destra la presenza di una mappa quadrata e non più rettangolare (come invece lo era nel precedente Local Pack) nella ricerca da desktop.

Abbiamo notato che ad oggi, tale layout non è ancora del tutto diffuso per qualsiasi tipo di ricerca ma in particolar modo per alcune come, ad esempio, quelle di tipo branded.

Ne abbiamo parlato in questo post del nostro blog a cui ti rimandiamo per una lettura più approfondita sull’argomento https://www.localstrategy.it/nuovo-local-pack-2/

 

Ricerche correlate ad attività che hai già cercato

Google lo scorso anno, non soltanto ha lanciato nuove funzioni a livello di scheda GBP, ma ha anche migliorato alcuni aspetti nella Ricerca locale.

Come si può osservare dalla figura sotto riportata, Google propone un box riportante le ricerche correlate a specifiche ricerche che abbiamo eseguito poco prima.

Vediamo con un esempio in che modo appare questo box:

per una ricerca specifica di un ristorante nella zona, come potrebbe essere, ad esempio, “Trattoria da Gino Fiuggi” Google propone inizialmente il classico layout della Ricerca con i risultati organici a sinistra e il Knowledge Panel a destra.

 

Eseguendo successivamente una nuova ricerca specifica del tipo “ristornate Grifoncino Fiuggi”, ecco che Google propone il box con le ricerche correlate a quelle che abbiamo precedentemente eseguito.

 

Il box è molto utile in quanto riporta i ristoranti della zona e ha l’intento di aiutare l’utente a visualizzare meglio l’offerta disponibile di ristoranti nella zona.

I riquadri riportati nel box sono a tutti gli effetti delle schede GBP. Cliccando su uno di essi infatti si apre la relativa scheda nella Ricerca Google.

Assistenza vocale per creare la scheda Google Business Profile

Google ha dichiarato in un suo post del blog ufficiale la possibilità per tutti i proprietari di attività locali di creare una scheda Google Business Profile tramite l’assistente vocale di Google.

In che modo?

Con l’apposita action dell’Assistente Google basterà utilizzare la propria voce per dire “Hey Google, porta la mia impresa online” per creare il profilo business su Google rispondendo ad alcune domande utili per generare correttamente il profilo.

L’attivazione non ha alcun costo.

La funzione “Luoghi accessibili”

Lanciata nel 2020 negli USA e in alcuni Paesi europei, “Luoghi accessibili” è la funzione arrivata anche in Italia lo scorso Gennaio 2021 che consente ai consumatori disabili di individuare su Google Maps tutte quelle attività accessibili in sedia a rotelle e riconoscibili tramite un’icona creata ad hoc che rappresenta un uomo su una sedia a rotelle.

Ecco un esempio di scheda Google My Business che ritrae questa funzione:

[METTERE ESEMPIO]

Per attivare la ricerca esclusiva di tali zone accessibili in sedia a rotelle bisogna accedere alle Impostazioni di Google Maps, cliccare sulla voce Accessibilità e poi su Luoghi accessibili. Per visualizzare l’opzione è necessario possedere l’ultima versione dell’applicazione.

Attivando l’opzione, tutte le future ricerche si baseranno nel mettere in evidenza tutti i luoghi accessibili in sedia a rotelle.

Una funzione molto utile che consentirà alle persone con disabilità di conoscere l’accessibilità ad un dato luogo prima di potersi recare.

Ecco il video ufficiale di Google su tale funzione:

Nuove opzioni per recensire i ristoranti con pochi semplici tocchi

Google ha lanciato la possibilità per l’utente, come si può leggere qui,  di lasciare recensioni per i ristoranti ancora più dettagliate tramite opzioni presenti di default relative a prezzo, servizi come l’asporto o il domicilio selezionabili velocemente tramite un tocco.

L’opzione è disponibile anche in Italia ma non si vede ancora la possibilità di indicare quanto si è speso per persona, opzione invece disponibile in USA.

 

 

Link gratuiti per la prenotazione di hotel

Google ha sempre avuto l’obiettivo di fornire agli utenti finali tutte le informazioni più utili e adatte a scegliere l’hotel ideale per il loro soggiorno.

Per raggiungere questo obiettivo Google ha deciso di inserire i cosiddetti link gratuiti per la prenotazione degli hotel.

Si tratta di una funzione che mostra nella scheda Google il prezzo dell’hotel gratuitamente e il link al sito web istituzionale. 

Queste informazioni sono riportate all’interno del box “Tutte le opzioni” mentre nel primo box Opzioni in primo piano, compaiono le opzioni a pagamento:

 

Badge “Eco-certificato” per Hotel

Google vuole aiutare le persone a fare scelte più sostenibili quando viaggiano.

Ecco che lo scorso anno ha introdotto la possibilità per alcune tipologie di strutture ricettive come hotel e case vacanze di impostare informazioni da offrire al pubblico relative ai criteri di sostenibilità adottati.

Tali criteri devono essere impostati direttamente dalla dashboard della propria scheda di attività. Ci sarà poi un ente che garantirà la veridicità delle informazioni rilasciate anche se Google ha dichiarato di non controllare direttamente quanto pubblicato in merito a tali criteri.

Tuttavia, superata la fase di accertamento si potrà ottenere un badge come quello riportato in questa figura che spiccherà nei risultati locali:

 

Nuove Google “Justification”

Finalmente nel 2021 è apparsa anche in Italia la Google Justification relativa ai

  • Servizi

che da tempo invece si visualizzava solo negli USA.

Per approfondimenti su cosa sono le Google justifications e quali sono, clicca qui.

 

Altre tre nuove justifications sono state poi introdotte durante l’anno:

  • Specialità del menù: si caratterizza per la presenza di un’iconcina costituita da un coltello e una forchetta


  • Offerta: si caratterizza per la presenza di un’icona a forma di etichetta

 

  • Visto dagli acquirenti (in relazione ad un prodotto specifico come potrebbe essere, ad esempio, un paio di occhiali da sole).
    Ne abbiamo parlato approfonditamente qui. Questa justification si caratterizza da un’icona a forma di omino racchiusa in un cerchietto.

 

  • Nel menù: si caratterizza per la presenza di un’iconcina a forma di libro. Tale justification era apparsa nel mese di Marzo 2021 negli USA come dimostra questo tweet dell’esperto Mike Blumenthal 

Pubblicazione dei post di tipo offerta in orari specifici

Quando creiamo un post di tipo offerta, ora possiamo anche aggiungere degli orari specifici in cui desideriamo che l’offerta sia valida specificando quindi un orario di inizio e uno di fine tramite il nuovo apposito pulsante “Aggiungi orari“.

Il pulsante è opzionale e si può attivare o disattivare a seconda delle necessità.

 

Booking dei biglietti per le attrazioni turistiche e i luoghi di interesse

Per quanto riguarda i luoghi di interesse come ad esempio, il Colosseo o il Duomo di Milano, Google ha introdotto link di prenotazione per l’ingresso base e altre opzioni di biglietto ove disponibili.

L’obiettivo di Google è quello di aiutare le persone a trovare e confrontare tutte le migliori opzioni di viaggio, motivo per cui i partner possono promuovere i loro link di prenotazione dei biglietti a costo zero, simili ai link gratuiti per la prenotazione di hotel visti in precedenza.

 

 

Nuovo layout per chiudere o rimuovere un’attività su Google Maps

Oltre ad aggiungere nuove funzionalità al suo sistema di mappe, Google ha anche pubblicato alcuni aggiornamenti che riguardano l’estetica di alcune funzioni.

È il caso del box utile per segnalare la chiusura o la rimozione di un’attività su Google.

Ricercando un’attività su Google e cliccando sulla voce Suggerisci una modifica come indicato nella seguente figura,

 

apparirà il seguente box dal quale Google mostra la tipologia di modifica che possiamo apportare:

 

 

Selezionando la seconda voce, comparirà un popup con un layout grafico rinnovato con le opzioni di modifica disponibili i merito allo stato di una data attività: chiuso temporaneamente, non aperto al pubblico, ecc… .

In questo video puoi scoprire di più sull’argomento.

 

 

Google testa il Local 2Pack da mobile e il 5Local Pack

Nei primi mesi 2021, alcuni esperti americani del settore si sono accorti che per alcune chiavi di ricerca locale digitate da dispositivi mobile, Google restituiva un Local Pack  caratterizzato da solo due risultati di ricerca al posto di tre.

Ecco che tale Local Pack è stato denominato 2Pack.

Il Local 2Pack compare oggi da mobile anche in Italia per alcune chiavi di ricerca.

Eccolo apparire ad esempio per la chiave “pavimenti in resina”:

 

Digitando la stessa query da desktop invece compare il classico Local 3 Pack:

 

 

Tale aggiornamento nei risultati di ricerca locale non è però stato l’unico nel 2021.

Infatti Google ha anche testato il Local 5Pack ossia, un box di risultati locali caratterizzato da 5 risultati al posto di 3.

Questo però è probabilmente rimasto in fase di test e in Italia ancora non l’abbiamo visto dalle nostre analisi interne.

 

Google Post visibili fino a 6 mesi

I Google Post sono una funzione di Google Business Profile che consente ai commercianti di comunicare offerte, eventi e notizie attraverso le schede delle attività commerciali.

Se prima la pubblicazione dei Google post durava 7 giorni, ora è stata estesa a 6 mesi.

Questo significa che quando pubblichiamo un post questo continuerà a vedersi fino a 6 mesi nella Ricerca Google creando una sorta di gallery dei post nella scheda della propria attività.

Inoltre, se un’azienda ha più di due post da visualizzare, verrà visualizzata una freccia sul lato destro per segnalare che il ricercatore può scorrerli:

 

Post degli utenti

Rimanendo in tema di novità relative ai post, Google ha introdotto la possibilità per gli utenti di pubblicare post con foto e breve testo.

Tali post saranno presenti da mobile in un’apposita tab “Aggiornamenti” della scheda Google e saranno distinti per post pubblicati “Dal proprietario” e quelli pubblicati “Dai visitatori“:

 

Per creare un post l’utente dovrà cliccare sulla voce “Aggiungi un aggiornamento con foto” al cui clic comparirà la seguente schermata con la possibilità di aggiungere del testo:

 

 

Tali post saranno pubblicati nella Ricerca Google e in Google Maps nonché sui siti e sulle app di terzi parti che utilizzano i servizi Google.

Gli “Elenchi dei negozi” per incentivare lo Shopping locale

Google ha introdotto per i centri commerciali, gli aeroporti, le stazioni e altri grandi luoghi in cui confluiscono più attività locali, la possibilità di localizzarle in base alla categoria.

In particolare, la funzione mostra quali negozi si trovano in un edificio.

Se ti trovi in ​​un grande centro commerciale, ad esempio, la scheda Elenco di negozi visualizzerà un elenco di attività commerciali e ti mostrerà se sono aperte, qual è la loro valutazione in stelle e molto altro.

Più foto nel Local Pack

Lo scorso Dicembre 2021, un’esperta del settore ha pubblicato un tweet in cui annunciava la presenza di più foto all’interno del Local Pack

In pratica, le foto stanno assumendo sempre più valore e caricarne di nuove aiuterebbe a comparire anche nei risultati del Local Pack.

Se hai una scheda di attività commerciale, potresti monitorare in base alle parole chiave del tuo business quali foto Google sta scegliendo per far comparire la tua scheda nel Local Pack e continuare ad aggiungerne di nuove sulla base delle parole chiave per te più importanti.

Per fare questo Google si avvale di meccanismi di machine learning e intelligenza artificiale sempre più evoluti e volti al riconoscimento dei contenuti delle immagini.

Attributo per i centri test COVID-19

I centri che effettuano test covid-19 possono contrassegnare questa specifica nella propria scheda GBP con apposito attributo “Centro per i test COVID-19” lanciato da Google nel dicembre dello scorso anno di cui puoi trovare maggiori dettagli nelle linee guida di Google .

Gli attributi del test COVID-19 vengono visualizzati nella sezione sopra l’indirizzo della tua attività sia su mappe che su ricerca.

Inizialmente, comparirà una sezione compressa che mostra se la tua attività è un luogo di test COVID-19. Dopo l’espansione, vengono visualizzate le informazioni aggiuntive.

 

 

 

 

NUOVE FUNZIONI LANCIATE NEL 2021 MA CHE NON SONO ANCORA UFFICIALI PER L’ITALIA

Prodotti: opzione per contrassegnare un prodotto come “speciale”

Questa funzione non è ancora presente in Italia ed è comparsa negli USA sul finire dello scorso anno.

Dopo aver contrassegnato un prodotto come “speciale”, quel prodotto verrà spostato in cima ai prodotti che hai pubblicato nella scheda del tuo profilo di Google Business.

Ecco l’opzione “Segna come speciale” presente nella sezione Prodotti del profilo dell’attività di Google. Inoltre viene specificato che “i prodotti contrassegnati come Speciali vengono mostrati nella parte superiore della pagina”.

Perché è importante questa funzione? Si tratta di un modo a livello di marketing per presentare uno o più prodotti più in alto nella propria scheda Google quando questa compare nella ricerca locale e nei risultati di Google Maps.

Nuovi filtri nella ricerca Google Maps

Nello scorso mese di Dicembre ci siamo accorti durante una ricerca del tutto casuale su Google Maps eseguita da desktop della possibilità di filtrare i risultati nella ricerca di Google Maps in base a Distanza e Pertinenza.

Ad esempio avevamo ricercato la parola “farmacia” ed ecco che appena sotto la casella di ricerca compariva un filtro “Ordina per distanza” con all’interno anche la possibilità di ordinare per pertinenza.

La funzione destò particolare del nostro interesse in quanto deducemmo l’importanza ancora maggiore per Google dei fattori pubblicamente dichiarati come “responsabili del ranking local” per un’attività locale ossia, distanza e pertinenza.  Purtroppo la funzione ad oggi non è più visibile.

 

Pagare i trasporti pubblici e il parcheggio con l’app Google Maps

In alcuni Stati americani, Google ha diffuso la possibilità di poter pagare i trasporti e il parcheggio utilizzando l’app GMaps.

Per pagare il parcheggio, agli utenti basterà toccare il pulsante “Paga per il parcheggio” che appare quando ci si avvicina alla destinazione. Quindi si inserisce il numero della targa, la quantità di tempo per cui si desidera parcheggiare e poi concludere l’operazione con il tasto”Paga”.

Per acquistare i biglietti dei mezzi pubblici invece si parte cercando indicazioni stradali in Google Maps, gli utenti vedranno apparire un’opzione per acquistare i biglietti accanto ai loro risultati di ricerca. Analogamente alla funzione di pagamento per il parcheggio, gli utenti dovranno disporre di un account Google Pay collegato a una carta di credito o di debito valida per effettuare la transazione.

Gif animate per la presentazione dei prodotti

In USA, Google ha introdotto le gif animate nei prodotti. Cliccando su questa scheda Google di esempio “Ogilvie LLP” noterete come i prodotti abbiano immagini dinamiche.

Ecco un video di approfondimento

 

In Italia il formato .gif per i prodotti non è ancora supportato.

 

“Things to do” Ads: annunci per promuovere la scoperta di cose da fare e aumentare le prenotazioni

Nel suo blog ufficiale, Google ha annunciato lo scorso anno l’introduzione di nuovi formati pubblicitari che consentono di aumentare la scoperta di cose da fare in un dato luogo e generare più prenotazioni.

I nuovi annunci “Sulle cose da fare” comparirebbero nella Ricerca Google con immagini, prezzi e recensioni come mostrato in figura.

L’opzione è per ora disponibile solo negli USA.

Verifica tramite video

Google ha aggiornato anche i metodi di verifica disponibili introducendo la verifica tramite video come l’esperto ben Fisher ha annunciato in questo video.

Stiamo monitorando questa nuova funzionalità ma ancora non l’abbiamo vista apparire in Italia.

Nelle linee guida invece vengono riportate delle specifiche di preparazione alla verifica tramite video. Google ad esempio può richiedere di dimostrare di avere accesso alla struttura riprendendo nel video che si sta accedendo con un’apposita chiave oppure che si è la persona proprietaria o che la si gestisce tramite dimostrando di accedere ad aree private in cui ad esempio può accedervi solo il personale addetto, ecc… .

 

Eccoci alla fine di questo lungo post! Ci sono altre novità che hai notato nel 2021? Scrivicele nei commenti e le aggiungeremo al nostro post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.